Categorie

  • Nessuna categoria

Nuraghe “Coa ‘e Serra”

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in
Description

NURAGHE COA 'SERRA

Uno dei nuraghi più suggestivi e più facilmente accessibili della piana di Golgo, è quello di “Coa ’e Serra” (che significa, grosso modo, situato “nella parte terminale del crinale della  montagna”) che svetta in posizione dominante sulla vallata, a 511 metri di altitudine, nella porzione meridionale dell’altopiano. Arrivarci è molto semplice: si percorre la strada per Golgo fino al punto in cui un cartello in legno indica la svolta per il nuraghe “Coa ’e Serra”; da qui si percorre una strada sterrata per circa un chilometro e mezzo, sino a raggiungere uno piccolo spiazzo da cui si intravede, tra la vegetazione, il bianco torrione calcareo del nuraghe; ancora un centinaio di metri a piedi e si è nel cuore del complesso nuragico. Il nuraghe, che gli archeologi fanno risalire all’età del Bronzo Medio (1500 - 1300 a. C. circa); è composto da un nucleo centrale riferibile al tipo dei cosiddetti “nuraghi a corridoio”, più antichi e strutturalmente diversi da quelli “a tholos” (in quanto la copertura non è a falsa cupola ma piattabandata), nel quale si individuano due ambienti: di questi, uno è a pianta circolare, con un diametro di circa 7 metri, l’altro invece a pianta ovale, dal diametro di circa 8 metri, collegati tra loro tramite un corridoio “coperto a piattabanda” (termine tecnico con cui gli archeologi si riferiscono alle grandi lastre di roccia utilizzate per coprire i lunghi e stretti vani interni dei nuraghi a corridoio). Secondo gli studiosi, a questo primo impianto, considerato il più antico del complesso, furono aggiunti  successivamente una torre a pianta circolare di tipo “a tholos” e un altro edificio molto particolare, unito al corpo centrale da un muro lungo oltre 12 metri. La particolarità di questo edificio, che presenta un ambiente interno di forma rettangolare (a cui si accede passando sotto un piccolo ingresso architravato) sta nella forma trapezoidale della pianta esterna. Questa particolare morfologia dell’edifico, che secondo gli archeologi era una sorta di piccolo tempio, fa del nuraghe di “Coa ’e Serra” un “unicum” nell’architettura nuragica. Notevole anche il “finestrino di scarico”, che sovrasta l’ingresso architravato e che secondo alcuni ha la funzione di alleggerire il peso della struttura. Attorno al nuraghe si osservano tratti di mura di cinta, forse residui di un antemurale turrito. Tutt’intorno agli edifici principali si notano, tra la vegetazione, i ruderi di numerose capanne a pianta circolare. Il complesso di “Coa ’e Serra” faceva parte di una rete di nuraghi (tra i quali si distinguono, per posizione strategica, “Genna Sarmentu”, “Loppellài” e “Orgodùri”) che consentiva di controllare tutti gli accessi alla vallata di Golgo.

Info
copyright