Categorie

  • Nessuna categoria

L’Olivastro Millenario

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in
Description

L'OLIVASTRO MILLENARIO

A fianco della chiesa di Santa Maria Navarrese si erge un grandioso olivastro millenario, che secondo gli esperti di botanica probabilmente aveva già superato il millennio di vita quando, secondo la tradizione, la Principessa di Navarra si stabilì da queste parti nel 1052. Le dimensioni di questo olivastro sono di tutto rispetto, non tanto per l’altezza, circa 10 metri, quanto per la circonferenza del fusto, ben 8 metri e 40 cm (misurata ad 1 metro e 30 cm da terra). Queste dimensioni ne fanno uno degli olivastri più imponenti di tutta Italia e non a caso questo esemplare, insieme agli altri olivastri della piazza sottostante la chiesa, è stato dichiarato “Monumento naturale”, su iniziativa della Regione Sarda, nel gennaio del 1994. In passato, a Baunei, era tradizione ricavare l’olio santo proprio dai semi di olivastro. Fino agli anni Cinquanta, nei giorni della festa dell’Assunta, all’ombra dell’olivastro millenario erano soliti posizionare il banco vendita i macellai di Baunei, che per l’occasione erano autorizzati a vendere la carne nel piazzale della chiesa. In virtù degli accordi stabiliti a metà Ottocento, i macellai di Lotzorai potevano invece sistemare il loro banco solamente a qualche centinaio di metri dalla chiesa, al confine tra i due territori comunali.

Lo stato vegetativo dell’ “Olivastro Millenario” è attualmente abbastanza buono, anche se il tronco è in parte cavo. Alcune tracce d’incendio che il tronco presenta risalgono al 10 febbraio del 1968, quando fiamme di origine dolosa danneggiarono l’albero, fortunatamente non in modo grave. L’episodio è significativo e merita di essere raccontato, anche perché dimostra l’attaccamento della popolazione locale a questo patriarca arboreo. Alla fine degli anni Sessanta il nucleo abitativo principale di Santa Maria era nei pressi dell’ “Hotel Agugliastra”, inaugurato alcuni anni prima, e di fronte a quelle poche abitazioni vi era una delle fermate degli autobus di linea che collegavano i paesi della pianura a quelli della montagna. Nel tardo pomeriggio di quel 10 febbraio, dalla fermata dell’autobus qualcuno si accorse che l’olivastro stava andando a fuoco e lanciò l’allarme. In pochi minuti decine di persone si precipitarono intorno all’albero armate di secchi d’acqua riempiti nella vicina fontana, e grazie a questo tempestivo intervento il principio d’incendio fu immediatamente domato.

L’identità del piromane, che con il suo insano gesto, quel 10 febbraio 1968, ha rischiato di ridurre in cenere l’ “Olivastro Millenario” di Santa Maria Navarrese, non è mai stata accertata.

Info
copyright